Hotel Vienna San Martino di CastrozzaHotel Vienna San Martino di Castrozza
Le Pale di San Martino UNESCO HERITAGELe Pale di San Martino UNESCO HERITAGE
PARCO NATURALE PALE DI SAN MARTINOPARCO NATURALE PALE DI SAN MARTINO
AGILITY FOREST PARCO AVVENTURAAGILITY FOREST PARCO AVVENTURA
La Spa relax assicuratoLa Spa relax assicurato
mini suite hotel viennamini suite hotel vienna
Hotel Vienna San Martino di CastrozzaHotel Vienna San Martino di Castrozza
i famosi dolci dell'Hotel Viennai famosi dolci dell'Hotel Vienna
Suite Allergy friendly roomSuite Allergy friendly room
il nostro lato Gourmetil nostro lato Gourmet
MOUNTAIN BIKE HOTEL VIENNAMOUNTAIN BIKE HOTEL VIENNA
Hotel Vienna San Martino di CastrozzaHotel Vienna San Martino di Castrozza
NORDIC WALKINGNORDIC WALKING
Hotel Vienna San Martino di CastrozzaHotel Vienna San Martino di Castrozza
GREEN WAY PRIMIEROGREEN WAY PRIMIERO
TRIPADVISOR TRAVELLER CHOISE 2013TRIPADVISOR TRAVELLER CHOISE 2013
Hotel Vienna baby clubHotel Vienna baby club
nevicata record 2014nevicata record 2014
settimana biancasettimana bianca
scuola sciscuola sci
neveneve
Verifica disponibilità

Il Parco di Paneveggio

Il Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino, che comprende le Pale di San Martino, parte del Lagorai e la foresta di Paneveggio, sorge con lo scopo di:


· tutelare e preservare un territorio ampio e diversificato

· presidiare e favorire un uso corretto e rispettoso dei beni ambientali

· promuovere la divulgazione e lo studio scientifico.


Le differenti caratteristiche climatiche, le repentine e nette variazioni di paesaggio e un terreno con substrati fortemente diversi caratterizzano il Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino e incidono nella sua divisione a zone: riserve integrali (zone A), riserve guidate (zone B), riserve controllate (zone C) e riserve speciali (zone D).

I sentieri tematici, dagli itinerari della Grande Guerra ai percorsi faunistici e ambientali, e i centri visitatori sono guida perfetta per muoversi con disinvoltura all'interno del Parco e conoscerne a fondo ogni aspetto.
I Centri visitatori sono dei piccoli musei a tema dove, oltre alle informazioni di carattere pratico, vengono presentate tutte le realtà ambientali e naturalistiche che si incontrano esplorando il parco. Essi sono:


· Centro visitatori di Villa Welsperg: focus sull'ambiente acquatico di montagna

· Centro visitatori di Paneveggio, dedicato alla foresta dei Violini e agli animali del bosco

· Centro visitatori di San Martino di Castrozza: focus sull’ambiente di alta montagna, l'aquila e la geologia delle Dolomiti

· Sentiero etnografico - Ecomuseo del Vanoi, dedicato all'ambiente e all'operosità dell'uomo.

Lasciatevi coinvolgere dalle bellissime iniziative e dai progetti che in ogni stagione animano il Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino.

Per chi ama escursioni in quota, una visita all’altopiano delle Pale di San Martino non deluderà le aspettative. Le Pale di San Martino rappresentano il più esteso gruppo montuoso delle Dolomiti, estendendosi dalla zona del Primiero fino all’Agordino. Esse sono costituite da molte cime (solo per citarne alcune: Vezzana, Rosetta, Pala, Sass Maor, Modonna, Cima Canali, Cimon della Pala) che formano un anello che delimita il vasto altopiano di 50 chilometri quadrati con un paesaggio quasi lunare ad un’altezza di 2700 m.

Le escursioni alle Pale di San Martino soddisfano i gusti sia degli escursionisti non professionisti sia degli amanti dei percorsi più impegnativi.

Numerosi sentieri con diversi livelli di difficoltà, impianti di risalita e 5 rifugi consentono di effettuare giri ed escursioni alle Pale di San Martino durante gran parte dell’anno.

Sull’altopiano è possibile anche visitare ciò che resta di un grande ghiacciaio, il ghiacciaio Fradusta, ormai quasi completamente ritirato.

Durante l’inverno, il bollettino neve e valanghe delle Pale di San Martino informa in tempo reale sugli impianti di risalita aperti, sulle condizioni delle piste, sulle previsioni climatiche dell’area e sulla temperatura che sulle Pale di San Martino può raggiungere anche livelli record in quota (oltre i -40°C).

Utility area